SPORT

Benevento è una città di mille Sport, quale sarà la Benevento del futuro?
La tradizione sportiva beneventana, nonostante la piccol/media dimensione della città, è assolutamente notevole. Basti pensare ai traguardi raggiunti nazionali ed internazionali nella Pallamano, nel Rugby, nella Scherma, nelle diverse Arti Marziali, nella Pesistica e nel Body Building, nella Pallacanestro, nella Pallavolo, nel Nuoto, nell’Atletica Leggera, nella Danza, nel Tennis, nella Ginnastica Artistica, nel Tiro con l’Arco, nella Ciclistica, nell’Ippica, nel Calcetto e nel Calcio, con la sua epocale salita dalla C alla A in due anni.
Ma negli ultimi anni la città di Benevento ha assunto una vera e propria conformazione urbanistica sportiva. Dagli storici runner che erano già abituali frequentatori dei sentieri un po’ isolati dell’ Agrario, siamo arrivati al viale Aldo Moro, “adottato” da centinaia di runner e passeggiatori come luogo principale del benessere cittadino, le mamme che ogni mattina si danno appuntamento per le camminate veloci tra il Corso Garibaldi ed il Viale degli Attlantici, gli atleti che corrono lungo via Grimoaldo Re, i maratoneti del primo maggio e della maratona “Percorrere la Storia”, il Beach Volley che diventa uno sport praticato su via del Pomerio tutto l’anno, i campi di Tennis che si sono moltiplicati, la Colonia Elioterapica che è tornata in splendida forma ed i campi di Rugby sono vivaci in tre quartieri diversi.

Eppure viviamo ancora una grande incertezza ed in molti casi un forte senso di abbandono: la chiusura improvvisa del PalaFerrara e di tante palestre scolastiche, la mancanza di spazi sportivi accessibili gratuitamente ai ragazzi dei diversi quartieri, l’abbandono di diversi campi da gioco al Rione Libertà, al quartiere santa Maria degli Angeli, a Capodimonte, a Pacevecchia.. Si avverte la necessità che lo sport di gruppo possa essere una pratica diffusa ed informale, con la scomparsa dei cortili e degli spazi verdi aperti mancano gli spazi dello sport spontaneo, quello che nasce dal desiderio di condividere un pomeriggio tra amici, cin i figli, con un gruppo di una particolare disciplina. Ci sono i nuovi sport praticati dai giovani, come il Parkur, lo skateboard, i rollerblade che avrebbero bisogno di spazi dedicati….
I dati del rapporto Okkio alla Salute sono chiarissimi in tal senso: la Campania è ai primi posti della classifica italiana in rapporto ad obesità e sovrappeso dei bambini, e questo dato è correlato proprio alla scarsa disponibilità e accessibilità agli impianti sportivi.

Civico22 con il laboratorio n.6 vuole occuparsi del futuro dello sport a Benevento, ponendosi alcune domande, tipo queste?

Le associazioni sportive esistenti stanno collaborando al meglio per la diffusione della pratica sportiva?
Gli spazi sportivi della città potrebbero essere maggiormente condivisi tra più associazioni?
Cosa manca alla città per favorire la pratica spontanea degli sport di gruppo?

Your content goes here. Edit or remove Cosa manca alla città per favorire la pratica spontanea degli sport di gruppo?

Share This